Nvidia Geforce RTX 3080 overclock per massimizzare l’hashrate

Con il lancio di settembre 2020 di Nvidia della nuova serie di schede video, la serie 3000, si sono subito affermati i modelli flagship dell’azienda: 3070, 3080 e 3090. La scheda RTX 3080 grazie alla nuova architettura Ampere, una clock speed da 1,40 Ghz fino a 1,71 Ghz e i suoi 10 GB di vram GDDR6X a 19GBps garantisce prestazioni fenomenali al costo di circa 300w di potenza. La scheda è stata sin da subito sotto l’occhio dei miner di tutto il mondo per le varie valute disponibili per il mining (la più popolare: Ethereum) e soprattutto per le ottime prestazioni a partire dall’edizione founders edition che offre un minimo di circa 86 mh/s su algoritmo DaggerHashimoto (Ethereum), fino ad arrivare sotto le giuste circostanze anche a massimali di 102 mh/s.

RTX 3080

Le eccezionali prestazioni dimostrate, con il rispettivo prezzo di lancio a €719 hanno fatto si che le schede andassero sold out in pochissimo tempo, così facendo la crescente domanda di rifornimenti ha causato un notevole rialzo dei prezzi di rivendita.


Specifiche Tecniche

CUDA Cores 8704
Transistor 28,3 miliardi
GPU Clock (base) 1440 Mhz
GPU Clock (Boost) 1710 Mhz
Dimensioni VRAM 10 GB
Modello VRAM GDDR6X
Velocità VRAM 1188 Mhz – 19 Gbps
Tensor Cores 272
RT Cores 68
Interfaccia Bus PCIe 4.0 x16
Larghezza di banda 760,3 GB/s
Bus Memoria 320 bit
Consumi 320w

Consigli sulle impostazioni della scheda video

Le prestazioni per il mining variano in base alla casa produttrice in quanto ogni produttore offre la sua versione della scheda video con lievi modifiche, a partire dal tipo di raffreddamento fino a lievi overclock sulle clock speed di processore e memorie. Le migliori statistiche raggiungibili con una scheda RTX 3080 si possono otterere utilizzando le seguenti impostazioni sul software MSI Afterburner:

Limite Potenza 75/90%
Core Clock 0/-250 mhz
Clock Memorie +800/+1300 mhz
Velocità ventole 80%

Le impostazioni e i risultati possono variare in base al modello di GPU. Anche lo stesso identico modello può dare risultati leggermente diversi. Si consiglia di sperimentare con i settaggi e trovare quello più stabile per il vostro modello di scheda.

RTX 3080

Costi e Guadagni

La scheda RTX 3080 è per certo la migliore opzione tra tutti i modelli disponibili. L’hash rate di circa 98-102mh/s garantisce un guadagno di circa €5,56 al netto di eventuali pool fees e costi d’elettricità. Il costo di acquisto della scheda di €719 (prezzo di listino) può essere recuperato per intero dopo circa 129 giorni di mining. Ciò rende questa scheda la più facile da ripagare nel tempo, dando per prima spazio ai guadagni.


Attenzione:

Questa scheda da Giugno 2021 in poi è stata limitata nelle sue edizioni Custom, si può distinguere dal nominativo posto alla fine del nome LHR che sta per Light Hash Rate. Qui troverete le statistiche della RTX 3080 LHR.

Ad ogni modo l’edizione Founders Edition rilasciata da Nvidia viene ancora prodotta senza alcun limite agli Hash Rates. È consigliato l’acquisto della scheda Founders Edition se si vuole trarre il massimo da questo modello di GPU.


Altri consigli importanti

Le temperature raggiunte durante il processo di mining non sono da sottovalutare in quanto sotto sforzo si possono raggiungere ben 110C sulle memorie se non ventilate correttamente. Per i più esperti è consigliata la sostituzione dei pad termici delle memorie con altri più performanti, o l’applicazione di dissipatori sul backplate della GPU per evitare il cosiddetto fenomeno di thermal throttle. Una volta superata una certa temperatura sulle memorie, solitamente i 110 gradi sui nuovi modelli di VRAM GDDR6X, la scheda video entra in protezione per evitare che venga meno al suo corretto funzionamento.

La scheda, in thermal throttle, abbassa automaticamente le frequenze per mantenere entro una temperatura accettabile le componenti. Ciò causa anche una drastica riduzione dell’hash rate che può registrare un meno di 45mh/s. Si consiglia l’utilizzo di software come GPU-Z o HardwareInfo per tenere sotto controllo in tempo reale le temperature delle memorie.